www.ittiofauna.org contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org
Le Faune Webmuseum Amphibia Anura Bufonidae Bufo

Il rospo comune, Bufo bufo (Linnaeus, 1758)


Descrizione - Anuro di corporatura molto tozza e robusta, con testa in proporzione non molto grande. Muso corto ed arrotondato. Occhi con pupilla ellittica orizzontale. Ghiandole paratoidi poste dietro agli occhi, grandi e sporgenti, a forma di mezzaluna. Timpano di diametro pari a circa la metà dell'occhio e poco visibile. Assenza di sacco vocale esterno. Pelle ruvida ed asciutta, provvista di numerose verruche distribuite su tutto il corpo. Nella sottospecie B. b. spinosus sono molto sviluppate e coriacee, risultando spinose al tatto. non si osservano pliche dorsolaterali. Arti anteriori corti, con quattro dita e due tubercoli sul palmo. Zampe posteriori più lunghe, con cinque dita, membrana interdigitale poco sviluppata e tubercoli disposti a coppie sulla faccia inferiore del dito più lungo. Colorazione di fondo molto variabile, da bruno scuro a rosso cupo, o a grigio giallognolo. Superiormente possono essere presenti macchie scure, più o meno marcate, talvolta fuse a formare bande longitudinali irregolari. Le verruche hanno una colorazione rossastra sulla punta. Parti inferiori più chiare, grigiastre o bianche, con punti o macchie nerastre. Occhi con iride dorata, rossa o ramata.

Dimorfismo sessuale - La differenza tra i sessi non è molto marcata. I maschi sono generalmente più snelli, di taglia minore e con arti posteriori più lunghi. Durante il periodo riproduttivo, i maschi presentano dei tubercoli nuziali sulle prime tre dita della mano ed un tubercolo carpale.

Larve - Nei girini la coda è relativamente corta, arrotondata distalmente, con membrana caudale non estesa al dorso. Occhi molto ravvicinati e spiracolo sul lato sinistro. Ano in posizione mediana rispetto alla base della coda. Tinta nera, con piccole macchiette brune, coda più chiara. Alla schiusa misurano da 3 a 5 mm, raggiungono circa 40 mm di lunghezza prima della metamorfosi.

  Click on the image to magnify and for the informations.  
 Click sull'immagine per ingrandire e per le informazioni.

Habitat e abitudini - Specie molto versatile, in grado di adattarsi ad una vasta gamma di habitat. Il rospo comune è presente in boschi, terreni lavorati, prati, orti e; si incontra anche in luoghi quasi totalmente privi di acqua, come zone aride incolte e boschi di macchia mediterranea. I luoghi utilizzati per la riproduzione e lo sviluppo delle larve sono tutte le acque ferme o a lenta corrente con profondità inferiore a 50 cm. All'epoca della riproduzione, si può incontrare in qualsiasi luogo umido: laghi, fiumi, stagni, fossati e acquitrini, nonché torbiere e risaie. La sua distribuzione non sembra influenzata dall'altitudine, risulta frequente sia a livello del mare, sia in alta montagna, dove si riproduce in torrenti di forra e laghi alpini fino ad oltre 2000 m. Di abitudini prevalentemente crepuscolari e notturne, trascorre le ore diurne sotto pietre, negli anfratti rocciosi od in tane scavate scavate con i robusti arti anteriori,  lungo i corsi d'acqua o nelle scarpate, ma si può si osservare anche durante il giorno nelle giornate calde e piovose. Nei periodi più caldi dell'anno può entrare in estivazione. Il rospo trascorre l'inverno in ibernazione, da solo od in gruppo, in tane situate in luoghi in grado di conservare un certo tasso di umidità. A seconda della quota e della latitudine, il letargo inizia da settembre - novembre e dura fino a primavera, prolungandosi occasionalmente fino a giugno. Il rospo comune conduce vita solitaria, oltre che per il letargo, si incontra in grandi gruppi soltanto durante il periodo degli amori, quando numerosi esemplari si affollano nelle aree di frega. Come suggerisce l'aspetto, il rospo non è un abile saltatore e per spostarsi generalmente adotta la marcia sulle quattro zampe. Per raggiungere zone adatte alla riproduzione, i rospi compiono migrazioni notturne di massa, esponendosi al pericolo di essere uccisi durante l'attraversamento di tratti stradali. I singoli individui sono molto fedeli ai loro luoghi di frega, ciò consente di accertare l'estinzione di determinate popolazioni, quando durante una stagione non si osservino più deposizioni. I giovani appena metamorfosati si trattengono in prossimità dell'acqua fino al primo periodo di elevata umidità. Quando il rospo è in pericolo o si sente minacciato, gonfia il corpo sollevandosi sulle zampe ed abbassando la testa, in maniera di apparire più grande e minaccioso. Se afferrato emette un liquido velenoso, contenente bufonina, una sostanza altamente tossica se iniettata ma innocua al contatto, molto spesso rilascia anche una certa quantità di urina. I girini feriti liberano in acqua un composto chimico che avverte gli altri della presenza di un pericolo spingendoli alla fuga.

Alimentazione -  Gli adulti si cibano esclusivamente a terra, catturando invertebrati e talvolta piccoli vertebrati. Come in altre specie di rospi, nella dieta di B. bufo hanno una certa rilevanza le formiche, ma vengono predati anche molluschi, insetti ed aracnidi. Le larve consumano materia vegetale come alghe e piante, detrito organico, e plancton.

Riproduzione - Dopo il letargo invernale, la riproduzione si svolge quando la temperatura ambientale raggiunge circa 12 ºC, da marzo a giugno, a seconda della quota e della latitudine. Alcune popolazioni mediterranee non si riproducono tutti gli anni o possono accoppiarsi in autunno. I luoghi utilizzati sono punti d'acqua poco profondi, temporanei o permanenti. La specie non è molto esigente per la qualità dell'acqua, tollera un certo grado di inquinamento e salinità, la deposizione può avvenire anche in zone debolmente salmastre. Non essendo provvisto di sacchi vocali, il maschio emette dei richiami a bassa intensità, non facilmente udibili. I maschi sono i primi a raggiungere le zone di frega. Generalmente superano di numero le femmine e si verificano spesso lotte per la conquista di una compagna. L’accoppiamento avviene in acqua ed è ti tipo pettorale. La durata dell'amplesso è piuttosto lunga, tanto che spesso si osservano femmine che si spostano sul terreno trasportando il maschio sul dorso. Il maschio feconda le uova mentre vengono emesse. Ogni femmina depone diverse migliaia di uova (fino a 12.000 per alcuni autori), nere e dal diametro di circa 1,5 - 2 mm, disposte in 3 - 4 file dentro un unico cordone gelatinoso, che può raggiungere la lunghezza di alcuni metri. Questi cordoni vengono arrotolati a piante od altri ostacoli sommersi, o semplicemente abbandonati sul fondale.

Accrescimento - Lunghezza: maschi fino a 12cm, femmine fino a 18-20cm. L''incubazione dura da 5 a 15 giorni, a seconda delle temperatura dell'acqua. I girini tendono a raggrupparsi lungo i bordi del punto d'acqua, ricercando zone di bassa profondità dove l'esposizione alla radiazione solare può favorire al massimo lo sviluppo. Lo sviluppo larvale dipende dalla temperatura e dalla disponibilità di cibo, generalmente dura da 2 a 4 mesi. La maturità sessuale viene raggiunta a terzo anno di età nei maschi, al quarto nelle femmine. La speranza di vita per B. bufo è di circa 12 anni nei maschi e 9 nelle femmine.

Predatori, parassiti e malattie - Sono conosciuti numerosi predatori, parassiti ed anomalie morfologiche. Tra i principali predatori figurano la biscia dal collare (Natrix natrix) e la natrice viperina (Natrix maura), rapaci notturni e diurni, trampolieri e diversi mustelidi. Una specie di mosca (Bufolucilia bufonivora) deposita le uova nelle narici di questi bufonidi, successivamente le larve iniziano a divorare la mucosa, finendo spesso per causare la morte dell'animale divorandolo dall'interno. Tanto le larve che le uova contengono numerose tossine, risultando non appetibili a molti predatori, ma costituiscono comunque cibo per larve ed adulti di ditisco, larve di libellula, scorpioni acquatici, larve di anfibi urodeli e crostacei predatori come il gambero della Louisiana (Procambarus clarckii).

  Click on the image to magnify and for the informations.  
Click sull'immagine per ingrandire e per le informazioni.

Status della specie - nonostante la specie sia generalmente comune in molta parte della sua area di distribuzione, localmente sono state osservate diverse popolazioni in declino. Le cause della rarefazione del rospo comune sono generalmente imputabili alla deforestazione, alla bonifica di aree umide, all'inquinamento, sviluppo di forme di agricoltura non tradizionale, urbanizzazione, desertificazione, introduzione di specie alloctone predatrici, mortalità causata dai mezzi di trasporto durante le migrazioni. La specie viene anche danneggiata dar recente incremento delle radiazioni solari UV - B (Lizana and Pedraza 1998). Popolazioni relitte nelle montagne libanesi sono minacciate dal riscaldamento globale. La chytridiomicosi rappresenta un'altra minaccia potenziale ed è stata segnalata in varie popolazioni spagnole. Una sottospecie spagnola, B.b. gredosicola, è stata messa in crisi dalle lontre e dalle rane della specie Rana perezi, che si sono spostate in aree montane a seguito degli effetti del riscaldamento globale.

Protezione - La specie è elencata in Appendice III della Convenzione di Berna. In molti paesi europei la specie è protetta dalla legislazione nazionale e sono state adottate misure per ridurre la mortalità causata dagli automezzi. Nella lista rossa IUCN le popolazioni di B. bufo sono catalogate come a minimo rischio (LC, least concern).

Galleria Fotografica

 

 
  La più bella raccolta d'immagini sull'erpetofauna europea  

Le Faune Webmuseum Amphibia Anura Bufonidae Bufo
www.ittiofauna.org
Google
 
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org