www.ittiofauna.org

contact:

stefano.porcellotti@ittiofauna.org

Le Faune Webmuseum Osteichthyes Clupeiformes Clupeidae Alosa

L'alosa o cheppia, Alosa fallax (Lacepède, 1803)

 

Caratteri meristici - Per i caratteri meristici sono noti i seguenti valori: PD 15-21, PA 18-25, PP 14-16, PV 8-9; 30-80 branchiospine; 55-65 scaglie in serie longitudinale, con 16-20 file in serie trasversale; carena ventrale con 18-24 scudi anteriormente alla pinna ventrale e 13-20 posteriormente. Considerando un complesso di popolazioni di alosa i cui dati sono riportati da Quignard & Kartas, il numero di branchiospine sul primo arco varia da 28 a 54; le vertebre sono 47-59. Le branchiospine inferiori sono 20-25 nella popolazione del Fiume Po e 24-32 in popolazioni portoghesi.

Pure essendo evidente una certa variabilità nei caratteri meristici, il confronto tra i valori medi rilevati in campioni di alose in migrazione riproduttiva in sei diversi rami del Po non ha evidenziato differenze statisticamente significative tra i campioni stessi.

 

 

Descrizione - Corpo relativamente alto e compresso in senso laterale. Testa a profilo triangolare. Bocca terminale con mascella superiore incisa. Assenza di denti sulle ossa palatine. Sugli opercoli sono evidenti striature raggiate. Peduncolo caudale piuttosto stretto. Pinna caudale biloba con profonda incisura tra i due lobi. Intermascellare con incisione sottile e profonda. Branchiospine ruvide, ossificate, non ravvicinate tra loro. Dorso verde azzurro, con riflessi metallici. Fianchi e ventre argentei o bianco argentei. Sui fianchi, a partire dal bordo superiore dell'opercolo, sono presenti da 4 ad 8 macchie nere, spesso poco marcate, di grandezza decrescente in senso anteroposteriore.

 

 

Dimorfismo sessuale - Non evidente.

 

  Click on the image to magnify and for the informations.  
Click sull'immagine per ingrandire e per le informazioni.

 

Habitat e abitudini - Specie migratrice anadroma. Pesce pelagico con abitudini gregarie, svolge la fase trofica in alto mare e compie migrazioni riproduttive per deporre le uova nelle acque interne. Gli adulti si riuniscono in prossimità degli estuari in primavera e fanno il primo ingresso in acqua dolce quando la temperatura dell'acqua giunge alla temperatura di 10 - 12 °C. La deposizione e la fecondazione si svolgono, con modalità collettive nelle ore centrali della notte, e con temperature dell'acqua superiori ai 15 °C. Attualmente la frega si svolge raramente fuori dai limiti di flusso e riflusso della marea ma, prima della creazione di sbarramenti invalicabili sui principali fiumi, questi pesci risalivano i fiumi per notevoli distanze. Ad esempio nel Rodano si pescavano alose fino a 600 chilometri dalla foce e nel Po giungevano fino all'altezza di Torino. Nei fiumi della Sardegna i riproduttori compaiono alla foce dei fiumi a partire da febbraio, mentre in quelli dell'Italia centrale e settentrionale gli arrivi iniziano generalmente in marzo. Il ritorno a mare dei riproduttori avviene entro luglio. La maggior parte degli avannotti si sposta in acque salmastre durante la prima estate di vita, vi si trattiene per lo svernamento, e migra in mare alla fine del secondo anno di età, dove viene completata la crescita. Il flusso migratorio che interessa il delta del Po si svolge prevalentemente attraverso il Po di Levante, caratterizzato da portate più costanti e da migliore qualità delle acque rispetto agli altri rami. In Adriatico le cheppie trascorrono l'inverno isolate, stazionando in prossimità del fondo, mentre in estate si possono osservare piccoli branchi di immaturi in crescita e di adulti non riproduttivi che stazionano in superficie.

 

 

Alimentazione - In mare gli adulti si cibano di  crostacei planctonici (copepodi e misidiacei), altri crostacei ed elementi del plancton, e piccoli pesci. In acqua dolce gli adulti non si alimentano. I giovani si nutrono di ogni tipo di piccoli invertebrati planctonici e bentonici. Nel contenuto stomacale di esemplari in risalita catturati nel fiume Tevere è stata rilevata la presenza preponderante di crostacei gammaridi, seguiti da invertebrati, avannotti e piccoli pesci.

 

 

Riproduzione - I maschi sono sessualmente maturi fra 2 e 3 anni, le femmine a 3 - 4. In grande maggioranza i banchi di alose in migrazione sono costituiti da maschi di 3 - 4 anni e femmine di 4 -5  anni. All'inizio del periodo di migrazione nei banchi prevalgono i maschi, mentre nel periodo di massimo afflusso, in aprile e maggio, prevalgono le femmine. Durante la riproduzione si formano gruppi costituiti, in genere, da 1 femmina e da 20 maschi, La frega ha luogo in acque basse su fondali sabbiosi o ghiaiosi. La femmina, sfrega il ventre contro il fondo per provocare la fuoriuscita delle prime uova, quindi dà inizio ad una serie di movimenti verticali dal fondo alla superficie, e viceversa, durante i quali emette le rimanenti uova. Secondo Malfer le uova hanno diametro di circa 1 mm e una femmina adulta ne può produrre fino a diverse decine di migliaia. Dopo la frega le uova vanno alla deriva sul fondo. Al termine della riproduzione la mortalità  da stress incide notevolmente sugli individui di maggiore età, tanto che le alose che ritornano al mare al termine della primavera e all'inizio dell'estate hanno taglie mediamente inferiori rispetto a quelle entrate in acque interne.

 

 

Accrescimento e resilienza - Tempo minimo di raddoppiamento della popolazione, medio: 1.4 - 4.4 anni (K = 0.21 - 0.38; tm = 2 - 7; tmax = 25). Per le alose che migrano nel Po le lunghezze totali massime rilevate per le femmine sono di oltre 55 cm, con pesi di oltre 1,5 kg, mentre i maschi raramente superano 50 cm e 1 kg. I branchi in migrazione sono costituiti in grande maggioranza da maschi di oltre 3 anni e femmine di oltre 4 anni; i valori modali di lunghezza totale sono rispettivamente di 41 e 45 cm. Le curve di crescita nei due sessi mostrano valori simili fino al termine del terzo anno, quando le alose misurano circa 40 cm, e incrementi leggermente maggiori per le femmine di età superiore. Lunghezza massima segnalata: 60.0 cm SL. Peso massimo pubblicato: 1.500 g. Età massima riportata: 25 anni.

 

 

Predatori, parassiti e malattie - La specie viene predata da varie specie di pesci ed uccelli ittiofagi. A. fallax è soggetta a malattie virali e batteriche. Sono state ossevate varie specie di parassiti, tra cui trematodi digenei, il trematode monogeneo Mazocraes alosae, cestodi e crostacei parassiti.

 


  Click on the image to magnify and for the informations.  
  Click sull'immagine per ingrandire e per le informazioni.

 

Status della specie - L'alosa è un pesce ancora relativamente comune, anche se la costruzione di sbarramenti e il deterioramento di qualità delle acque hanno determinato in alcuni bacini drastiche riduzioni dell'afflusso dei migratori o, in certi casi, l'impossibilità di raggiungere i fondali precedentemente utilizzati per la riproduzione. Alla fine del secolo scorso l'alosa era comune nel Po fino a Casale Monferrato, dove la presenza di una diga impediva già allora un'ulteriore risalita, e si riproduceva in tutti i principali affluenti; oggi, nello stesso bacino, la migrazione dell'alosa non può procedere oltre lo sbarramento di Isola Serafini. In Lombardia frequentava, nel 1896, tutti i principali affluenti di sinistra del Po. Negli ultimi due decenni, grazie all'introduzione di misure di protezione e di ripristino ambientale, la specie ha iniziato un lento recupero ed attualmente, in gran parte dell'areale europeo le popolazioni appaiono stabilizzate. Contrariamente alla tendenza europea, nella maggioranza dei fiumi italiani, come ad esempio nel Tevere, in assenza di scale di monta o di altri strumenti in grado di ripristinare la continuità fluviale, la cheppia è praticamente scomparsa.

 

 

Protezione - Solo recentemente, in alcune regioni dell'Italia settentrionale sono state introdotte misura di tutela, proibendo la pesca nel periodo immediatamente precedente la riproduzione e consentendola solo nel periodo in cui le alose tornano al mare; il divieto non è comunque tale da impedire che ancora si catturino notevoli quantità di individui entrati in acque estuarili all'inizio della primavera. Nella Lista Rossa IUCN (International Union for Conservation of Nature and Natural Resources) la specie è classificata a preoccupazione minima (LC, Least Concern).

 

 

Valore economico - Pesce di scarsa importanza commerciale. Carni discrete, ricche di spine; migliori quelle dei soggetti pescati in acque dolci. Commercializzato fresco, congelato, essiccato ed affumicato. Viene anche trasformato in farina di pesce, nonché utilizzato come esca per la pesca di specie ittiche marine. Malgrado le carni siano poco apprezzate, l'alosa è sempre stata intensamente pescata, sia dai pescatori professionisti che da quelli sportivi.

 

 

Pesca professionale - Si praticava un tempo con reti a strascico e a circuizione in acque marine litorali, nonché con reti di vario tipo e "bilancioni" in acque fluviali durante la montata primaverile. La rarefazione della specie, unicamente alla quasi completa scomparsa della pesca fluviale di mestiere, ha in pratica azzerato la cattura di questa specie già di per se stessa poco apprezzata.

 

 

Pesca sportiva - Viene praticata durante la montata riproduttiva in acque fluviali con canna da lancio ed esche artificiali (cucchiai rotanti a 1-2 palette, piccoli cucchiaini ondulanti ad amo semplice, mosche artificiali di grandi dimensioni).

 

Galleria di immagini

 Alosa_fallax08.jpg (32016 byte)

alosa_fallax.jpg (70484 byte)

 alosa_fallax05.jpg (53593 byte)
Pag. 1   Pag. 2 Pag. 3
alosa_fallax.01.jpg (61435 byte) alosa_fallax_nilotica.jpg (60122 byte)
Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6

Le Faune Webmuseum Osteichthyes Clupeiformes Clupeidae Alosa
www.ittiofauna.org Webmuseum
Google
 
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org