www.ittiofauna.org
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org
Webmuseum Osteichthyes Cypriniformes Cobitidae  

Il genere Cobitis, Linnaeus 1758

 

Cobitis Linnaeus 1758. Systema Naturae, Ed. X. (Systema naturae per regna tria naturae, secundum classes, ordines, genera, species, cum characteribus, differentiis, synonymis, locis. Tomus I. Editio decima, reformata.) Holmiae. Systema Naturae, Ed. X. v. 1: i-ii + 1-824. Genere femminile. Specie tipo - Cobitis taenia Linnaeus, 1758. Tipo designato da ICZN (Opinione 1500); vedere anche Opinion 2695. Cobites Swainson 1839:190, 310, è un errore ortografico. Opinioni - Nomenclatura generica valida come Cobitis Linnaeus 1758, secondo Chen 1981:23, Sawada 1982:199, Sawada in Masuda et al. 1984:58, Kim 1986:945, Sivkov & Dobrovolov 1986:3, Coad & Sarieyyüpoglu 1988:426, Kottelat 1989:13, Ye in Pan et al. 1991:253, Wu & Wu 1992:265, Nalbant 1994:376, Bogutskaya & Naseka 1996:47, Economidis & Nalbant 1996:301, Doadrio & Perdices 1997:51, Vasil'eva 1998:97, Nalbant & Bianco 1998:120, Erkakan et al 1999:14, Kim et al. 1999:373, Son & He 2001:1, Ludwig et al. 2001:388, Sideleva 2001:54, Sideleva 2003:11, Bogutskaya & Naseka 2004:104, Kitagawa et al. 2005:111, Doadrio & Perdices 2005:484, Janko et al. 2005:405, Son & He 2005:238, Vasil'eva & Vasil'ev 2006:S15, Freyhof & Stelbrink 2007:269, Prokofiev 2007:111, Vasil'ev & Vasil'eva 2008:1, Erk'akan et al. 2008:112, Ngô 2008:66, Kim 2009:8, Chae & Yoon 2010:101, Bohlen & Harant 2011:295, Chen & Chen 2011:149, Mousavi-Sabet et al. 2011:925, Vasil'eva & Vasil'ev 2012:205, Nakajima 2012:103, Kottelat 2012:23, Kottelat 2013:177, Chen & Chen 2013:83, Buj et al. 2014:1, Erkakan & Özdemir 2014:275, Parin et al. 2014:98, Chen et al. 2015:1, Mousavi-Sabet et al. 2015:558, Nakajima & Suzawa 2015:68, Chen et al. 2015:1, Jouladeh-Roudbar et al. 2015:881, Perdices et al. 2016:7, Nakajima 2016:119, Zhang et al. 2016:151, Dyldin & Orlov 2016:668, Chen & Chen 2016:379, Vasil'eva et al. 2016:577, Jouladeh-Roudbar et al. 2017:118, Eagderi et al. 2017:48, Esmaeili et al. 2017:59, Erk'akan et al. 2017:82, Chen et al. 2018:156, Çiçek et al. 2018:16, Esmaeili et al. 2018:40, Özdemir et al. 2019:593, Freyhof et al. 2018:1.

 

 

Etimologia - Greco, kobitis, -idos = un tipo di sardina; in relazione con il Greco, kobios, Latino gobius = gobione.

 

 

Sinonimi - Acanestrinia (sottogenere di Cobitis) Bacescu, 1962. Contribution à la systématique du genre Cobitis. Description d'une espèce nouvelle, Cobitis calderoni, provenant de l'Espagne. Revue de Biologie, Académie de la République Populaire Roumaine, Bucarest v. 6 (no. 4) [1961]: 435-448 [1-14], Pl. 1. Genere femminile. Specie tipo - Cobitis elongata Heckel & Kner 1858. Tipo per designazione originale (anche per monotipia). Opinioni - Sinonimo di Cobitis Linnaeus 1758, secondo Ludwig et al. 2001:388.

Acanthopsis Agassiz 1832. Untersuchungen über die fossilen Süsswasser-Fische der tertiären Formationen. Neues Jahrbuch für Mineralogie, Geognosie, Geologie und Petrefakten-kunde. v. 3: 129-138. Genere femminile. Specie tipo - Acanthopsis angustus Agassiz, 1835. Tipo per monotipia susseguente, stabilito in Agassiz 1835:Pl. 50.  Vedere la discussione sulla specie tipo fornita da Kottelat 1987:372-373. La specie tipo non è Cobitis taenia Linnaeus 1758 come fornito da Jordan 1919:180. Esiste la possibilità che non sia un cobitide, essendo basato su di un cambio di tipo per una specie fossile (vedere Kottelat 1987:372). Opinioni - Nomenclatura generica valida come Acanthopsis Agassiz 1832, secondo Son & He 2001:1. Sinonimo di Cobitis Linnaeus 1758, secondo la maggioranza degli autori.

Acantophthalmus van Hasselt, 1823. Uittreksel uit een' brief van Dr. J. C. van Hasselt, aan den Heer C. J. Temminck. Algemein Konst- en Letter-bode I Deel (no. 20): 315-317. [Also in French but with changes (1824). English translation in Alfred 1961 [ref. 20553]. Genere maschile. Specie tipo - Cobitis taenia Linnaeus 1758. Tipo per monotipia. Scritto Acantophthalmus nel 1823, Acanthophthalmus nella versione francese (= van Hasselt 1824:377). La versione Acantophthalmus è stata collocata nell'Indice Ufficiale in Opinione 1500. Il tipo per monotipia, con 3 ulteriori specie incluse non è disponibile (vedere Kottelat 1987:371). Opinioni - Oggetivo sinonimo di Cobitis Linnaeus 1758 per decreto ICZN (Opinione 1500), vedere anche Burridge 1992:175. Nomenclatura generica considerata valida come Acantophthalmus van Hasselt 1823, con specie tipo A. fasciatus, da Jayaram 1981:179, Sawada 1982:202, Roberts 1989:95, Rahman 1989:152, e Burridge 1992:175 (scritto Acantophthalmus). L'Opinione 1695 non supporta il punto di vista di Burridge et al. (Caso 2738), non cambia la specie tipo, e risulta nella collocazione di Acanthophthalmus  nell'Indice Ufficiale. Nomenclatura generica considerata valida come Acantophthalmus, ma datata Bleeker 1859, da Nalbant 1994:376.

Beyshehiria (sottogenere di Cobitis) Erkakan, Atalay-Ekmekci & Nalbant, 1999. A review of the genus Cobitis in Turkey (Pisces: Ostariophysi: Cobitidae). Hydrobiologia No. 403: 13-26. Genere femminile. Specie tipo - Cobitis bilseli Battalgil 1942. Tipo per designazione originale (anche per monotipia). Opinioni - Sinonimo di Cobitis Linnaeus 1758, ma presunto valido come sottogenere come da descrizione.

Bicanestrinia (sottogenere di Cobitis) Bacescu, 1962. Contribution à la systématique du genre Cobitis. Description d'une espèce nouvelle, Cobitis calderoni, provenant de l'Espagne. Revue de Biologie, Académie de la République Populaire Roumaine, Bucarest v. 6 (n° 4) [1961]: 435-448 [1-14], Pl. 1. Genere femminile. Specie tipo - Cobitis simplicispina Hankó 1925. Tipo per designazione originale. Opinioni - Sinonimo di Cobitis Linnaeus 1758, ma valido sottogenere come da descrizione, secondo Bianco & Nalbant 1980:905, Erkakan et al 1999:20.

Cobitinula Hanko, 1924. Fische aus Klein-Asien. Annales Historico-Naturales Musei Nationalis Hungarici v. 21: 137-158, Pl. 3. Genere femminile. Specie tipo - Cobitinula anatoliae Hankó 1924. Tipo per monotipia. Opinioni - Sinonimo di Cobitis Linnaeus 1758, secondo Chen 1981:23, Wu & Wu 1992:265.

Iberocobitis (sottogenere di Cobitis) Bacescu, 1962. Genere femminile. Specie tipo - Acanthopsis taenia paludica de Buen 1930. Tipo per designazione originale. La sottospecie (forma) viene elevata a livello di specie inquanto specie tipo. Opinioni - Sinonimo di Cobitis Linnaeus 1758, ma valido sottogenere come da descrizione, secondo Doadrio & Perdices 1997:59. Sinonimo di Cobitis Linnaeus 1758, secondo Ludwig et al. 2001:388.

 

  Genere Specie  

Cobitis

Cobite dell'Epiro

Cobitis arachthosensis

cobitis_bilineata.jpg (94755 byte)

Cobite comune o italico

Cobitis bilineata

Cobite iberico settentrionale

Cobitis calderoni

Cobite croato

Cobitis dalmatina

Cobite dei Balcani

Cobitis elongata

Cobite del fiume Danubio

Cobitis elongatoides

Cobite del fiume Louros

Cobitis hellenica

Cobite di Imotzki Polje

Cobitis illyrica

Cobite del fiume Jadova

Cobitis jadovaensis

Cobite siberiano

Cobitis melanoleuca

Cobite del lago di Prespa

Cobitis meridionalis

Cobite del fiume Neretva

Cobitis narentana

Cobite albanese

Cobitis ohridana

cobitis_paludica.jpg (51556 byte)

Cobite iberico

Cobitis paludica

Cobite del fiume Istanca

Cobitis pontica

Cobite bruno

Cobitis punticulata

Cobite del fiume Aggitis

Cobitis punctilineata

Cobite di Stephanidis

Cobitis stephanidisi

Cobite del fiume Strimone

Cobitis strumicae

Cobite europeo

Cobitis taenia

Cobite del fiume Don

Cobitis tanaitica

Cobite di Crimea

Cobitis taurica

Cobite del lago Trichonis

Cobitis trichonica

Cobite del fiume Vardar

Cobitis vardarensis

c-vettonica.jpg (61533 byte)

Cobite del fiume Alagón

Cobitis vettonica

Cobite del fiume Volturno

Cobitis zanandreai

Questo genere è caratterizzato dal corpo allungato e compresso e dalla presenza di una spina bifida erettile sotto l'occhio, spesso nascosta sotto la pelle. Sono presenti tre paia di corti barbigli, quattro barbigli sono situati sulla punta del muso, due ai lati della bocca. Le squame sono piccole e quasi impercettibili. La linea laterale è debolmente marcata o indistinta. Le pinne dorsale ed anale sono piccole. La pinna caudale presenta bordo arrotondato o tronco. La vescica natatoria è contenuta in una capsula ossea con una porzione libera visibile. I maschi presentano una estensione ossea alla base della pinna pettorale, detta lamina circolare o paletta del Canestrini. Molto importante per il riconoscimento delle specie è la forma e la disposizione di quattro zone pigmentate, conosciute con il nome di "zone di Gambetta" e denominate convenzionalmente da Z1 a Z4.

  Colour marks of Cobitis: a) caudal black spots; b) mid-dorsal blotches; Z1 - Z4 Gambetta's zones.  
Pigmentazione in Cobitis: a) macchie caudali; b) macchie mediodorsali; Z1 - Z4 zone di Gambetta.

Tipico del genere è il comportamento fossorio, questi pesci si affondano nel fango per superare i rigori invernali o sfuggire ai predatori. La spina erettile sotto l'occhio rappresenta una misura di difesa dai predatori, in grado di scoraggiare attacchi da parte di altri pesci od uccelli, infatti quando un esemplare viene catturato, agita fortemente la testa per ferire il suo assalitore.

Esistono popolazioni poliploidi unisessuate e complessi misti bisessuati ed unisessuati. Forme ginogenetiche di Cobitis sono presenti nei bacini dei mari Baltico, Nero, Caspio e Mediterraneo (Vasil'ev and Vasil'eva, 1996; Kottelat, 1997; Vasil'eva and Vasil'ev, 1998; Vasil'ev et al., 1999; Bohlen, 2001). In particolare, la specie Cobitis taenia (sensu lato) appare costituita da sei specie parapatriche in grado di ibridarsi, C. elongatoides, C. taenia, C. tanaitica, C. taurica, C. strumicae, e C. melanoleuca (Choleva et al. 2008), gli ibridi possono sviluppare linee genetiche asessuate costituite da femmine diploidi, triploidi e tetraploidi. Per questi motivi, molte specie risultano morfologicamente indifferenziate e richiedono studi genetici e biochimici per risolvere la loro posizione tassonomica e sistematica.

I più antichi fossili riferibili a questo genere risalgono al medio Miocene, circa 15 milioni di anni fa. La divergenza tra il genere Sabanejewia e Cobitis sembra collocarsi intorno a 12 - 13 milioni di anni fa (Ludwig et al., 2001). Il genere Cobitis ha distribuzione in Europa, nord Africa ed Asia.


Webmuseum Osteichthyes Cypriniformes Cobitidae  
www.ittiofauna.org Webmuseum
Google
 
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org