www.ittiofauna.org
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org
Webmuseum Osteichthyes Cypriniformes Cyprinidae Barbus

Barbo pinnerosse,

Barbus haasi, Mertens 1924

 

Caratteri meristici - Squame in serie laterale: 46-50 + 3-4. File di squame sopra la linea laterale: 8-11. File di squame sotto la linea laterale: 5-9. Branchiospine: 9-13. Vertebre: 38-44. Denti faringei: 5.3.2- 2.3.5. Pinna dorsale: III-IV/7-9. Pinna caudale: 17. Pinna anale: III/5. Pinne pettorali: 18. Pinne ventrali I/8.

 

  Click on the image to magnify and for informations about this photo.  
Click sull'immagine per ingrandire e per informazioni su questa foto.

 

Descrizione - Corpo corto e robusto, con altezza massima compresa tra il 7.2% ed il 26.3% della lunghezza standard. Testa grande, allungata, varia tra il 20.5% ed il 28% LS. Occhio relativamente più grande che in altre specie congeneri. Labbra grandi, carnose, con lobo mediano appariscente. Il labbro inferiore si sposta indietro verso il dentale. I barbigli sono relativamente grandi, anche considerando la maggiore grandezza del capo (Doadrio, 1984). B. haasii si distingue da tutte le altre specie iberiche e nord africane del genere Barbus, per avere 5 denti faringei nella fila più esterna della serie. I denti faringei delle specie di Barbus del gruppo iberoafricano, sono caratterizzati dalla disposizione crescente delle loro creste, mentre in B. haasii i denti non sono differenziati (Doadrio, 1990). B. haasii si distingue da B. meridionalis per il terzo raggio indiviso della pinna dorsale ossificato con, nella maggioranza degli esemplari, una debole dentellatura. B. haasii si differenzia dalla specie del nord Italia, B. plebejus, per il minor numero di squame sulla linea laterale, per la morfologia delle mascelle e per l'analisi allozyme dei loci (Machordom et al., 1995). La differenza più evidente tra B. haasii e B. barbus è data dalle minori dimensioni e dalla debole dentellatura dell'ultimo raggio della pinna dorsale. Il peduncolo caudale è alto e la sua altezza è circa 1.5 volte la sua lunghezza. L'origine della pinna dorsale, lunga, slanciata e concava posteriormente, è posta circa alla metà del corpo, allo stesso livello dell'inserzione delle pinne ventrali. La pinna anale è normalmente molto lunga, raggiunge la base della pinna caudale. La tinta della livrea è il carattere che distingue maggiormente B. haasii dalle altre specie del genere Barbus. Colorazione di fondo delle parti superiori giallastra, più scura dorsalmente. Piccole macchie nere sono presenti alla base delle squame. Anche sul corpo è presente una maculatura scura, con elementi più grandi di quelli di B. meridionalis. Pur essendo numerose, le macchie non interessano lintera superficie delle pinne. Durante il periodo di frega, la specie è facilmente identificabile per il colore rosso od arancio della pinna anale, di parte della caudale e delle pinne pari.

 

 

Dimorfismo sessuale - Evidente riguardo alla taglia: le femmine sono più grandi dei maschi. Durante il periodo della riproduzione, in entrambi i sessi il colore diventa più intenso. Nei maschi compaiono altri caratteri sessuali secondari come i tubercoli nuziali nella parte anteriore della testa (DOADRIO, 1984; Doadrio & Garzon, 1987).

 

  Click on the image to magnify and for informations about this photo.  
Click sull'immagine per ingrandire e per informazioni su questa foto.

 

Caratteristiche osteologiche - l'etmoide è fine ed allungato, con una larghezza massima pari a circa il 60% della sua lunghezza totale, e presenta bordolaterale concavo. L'osso esoccipitale contatta e supera lo pterotico. Il processo faringeo del basioccipitale è corto e largo, con cartilagine faringea basioccipitale piccola. L'osso uroiale una piccola placca basale un alto processo mediale. Il cleitro presenta una lunga branca superiore, ed il suo bordo anteriore non appare così perpendicolare come nella branca inferiore. I denti sono robusti e sono dotati di un uncino terminale, la superficie masticatoria è debolmente sviluppata. La mascella ha un osso palatino ben pronunciato.

 

 

Cariotipo - Il cariotipo di B. haasii non è stato ancora studiato approfonditamente. In base ad esami elettroforetici, B. haasii risulta essere una specie tetraploide con 2n=100 (Machordom, 1990; Machordom et al., 1990). La condizione tetraploide è stata confermata da analisi condotte sul DNA mitocondriale (citocromo b, e ATP sintetasi 8 e 9). La condizione tetraploide è presente in tutti i membri del genere Barbus (Machordom e Droadrio, 2001).

 

 

Caratteristiche genetiche - L'analisi elettroforetica allozyme (Machordom, 1990; Machordom et al., 1990) ha rivelato tre loci diagnostici per B. haasii, non presenti nelle altre specie di Barbus iberici: aspartato aminesterasi 2.6.1.1 (AAT), malato deidrogenasi 1.1.1.37 (MDH) e fosfoglucomutasi 2.7.5.1 (PGM). L'analisi allozyme dimostra che B. haasii è strettamente correlato a B. meridionalis. Il barbo pinnerosse è filogeneticamente lontano dalle altre specie iberiche, inserite attualmente nel genere Luciobarbus (Machordom, 1990; Machordom e Doadrio, 2001; Doadrio et al., 2002).

 

  Click on the image to magnify and for informations about this photo.  
Click sull'immagine per ingrandire e per informazioni su questa foto.

 

Habitat e abitudini- Si tratta di una specie bentonica, che preferisce il tratto medio superiore di fiumi e torrenti, in questa sua caratteristica ecologica ricorda più il B. caninus italiano che il B. meridionalis. Vive in acque dal corso veloce, preferibilmente limpide e ben ossigenate, dal fondo sabbioso, sassoso o ghiaioso con pietre e massi, al di sotto dei quali suole rifugiarsi. Vive nello stesso habitat della trota e di A. arcasii. Normalmente, a simili condizioni, corrispondono corsi d'acqua di profondità non superiore a 1.50 m e non più larghi di 20m. B. haasi ha abitudini più solitarie del resto dei barbi, comportamento da porre in rapporto con la sua tendenza a colonizzare torrenti di basso livello trofico. Nei corsi d'acqua più ricchi di alimento forma branchetti composti da pochi individui. La tendenza solitaria viene meno durante la riproduzione, quando è facile osservare branchi di barbi pinnerosse intenti alla frega.

 

 

Alimentazione - La dieta è carnivora e comprende fondamentalmente macroinvertebrati bentonici, soprattutto larve di chironomidi, efemerotteri e tricotteri (Sostoa et al., 1990).

 

 

Riproduzione - La frega ha luogo da aprile alla fine di giugno, a seconda delle condizioni climatiche e del regime dei corsi d'acqua. I branchi in frega si spostano in acque basse, su fondali ghiaiosi, sabbiosi o sassosi, dove vengono deposte le uova. Dopo la fecondazione le uova aderiscono al substrato. Ogni femmina produce un numero di uova compreso tra 2.000 e 7.000.  Le femmine effettuano deposizioni multiple, adattamento legato alla variabilità di portata tipica dei bacini in cui la specie è diffusa.

 

 

Accrescimento e resilienza - Tempo minimo di raddoppiamento della popolazione, medio: 1.4-4.4 anni (K=0.17; tm=1-4). Il maschio raggiunge la maturità sessuale prematuramente, alla fine del primo anno di vita (Sostoa et al., 1990).  Barbo di piccole dimensioni, nel fiume Ebro non supera la lunghezza totale di 20 cm (Sostoa et al., 1990), non arriva a 30 cm nella maggior parte dei fiumi dove è attualmente diffuso (Doadrio & Garzon, 1987). La lunghezza media di 140 esemplari adulti ha dato un valore di 158,6 mm (Doadrio e Perdices, 2003). La durata di vita e di circa 5-6 anni.

 

 

Predatori, parassiti e malattie -  B. haasii rientra nella dieta di molte specie di pesci ittiofagi (salmonidi, altri ciprinidi, esocidi), uccelli ittiofagi (airone, nitticora, ecc.) e serpenti d'acqua. Viene parassitato, principalmente nelle branchie, pinne ed epidermide da: Gyrodactylus katharineri, Dactylogyrus bocageii, Dactylogyrus carpathicus, Dactylogyrus dyki e Paradiplozoon homoion homoion, è inoltre ospite di diverse specie di vermi elminti, protozoi, ed altri invertebrati. La specie soggetta a malattie virali e batteriche, e gli esemplari feriti e/o malati contraggono spesso infezioni micotiche anche gravi.

 


  Click on the image to magnify and for informations about this photo.  
Click sull'immagine per ingrandire e per informazioni su questa foto.

 

Status della specie - Specie in declino da circa 30 anni, principalmente a causa di fenomeni antropici, come prelievo idrico eccessivo nei periodi di magra, inquinamento, e per l'immissione di molte specie ittiche alloctone, tra cui l'invasiva Silurus glanis (introdotta a fini alieutici, dalla Gemania, nel bacino del fiume Ebro), che danneggiano la specie sia per predazione diretta, sia per competizione alimentare. L'incremento della costruzione di dighe di varie dimensioni, contribuisce in modo significativo alla distruzione di buona parte dell'habitat della specie.

 

 

Protezione - Nell'Annesso I del "Real Decreto 1095/1989" della legge spagnola, si dichiara specie oggetto di pesca. La specie è elencata nell'Annesso V della Direttiva "Habitats" dell'Unione Europea sotto il nome di B. capito. La specie Barbus haasi è stata inserita nella Lista Rossa IUCN delle specie in pericolo 1994 (IUCN Red List), come specie vulnerabile (VU A2ce+3ce, Vulnerable).

 

 

Valore economico - Inesistente. Pesce d'interesse faunistico (endemismo iberico). Le sue carni, piene di lische ma saporite, vengono generalmente consumate fritte od in zuppa assieme ad altri tipi di pesci.

 

 

Pesca - Praticata con frequenza, soprattutto con lenze collocate a fondo o radenti il fondo, nonché con la bilancia. Le esche più idonee sono costituite da larve di mosca carnaria, lombrichi, larve di insetti acquatici. Si tratta di un pesce che oppone una resistenza proporzionalmente notevole alla cattura.

 

Galleria di immagini

 

 

 
     

Webmuseum Osteichthyes Cypriniformes Cyprinidae Barbus
www.ittiofauna.org Webmuseum
Google
 
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org