www.ittiofauna.org
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org
Webmuseum Osteichthyes Cypriniformes Leuciscidae  

Il genere Blicca, Heckel 1843

 

Blicca Heckel 1843. Ichthyologie [von Syrien]. In: J. von Russegger. Reisen in Europa, Asien und Africa, mit besonderer Rücksicht auf die naturwissenschaftlichen Verhältnisse der betreffenden Länder unternommen in den Jahren 1835 bis 1841, etc. Stuttgart. Ichthyologie [von Syrien]. v. 1 (pt 2): 990-1099. Genere femminile. Specie tipo - Cyprinus blicca Bloch 1782. Tipo per monotipia (anche per tautonomia assoluta). Opinioni - Sinonimo di Abramis Cuvier 1816, secondo Howes 1981:46, Hänfling & Brandl 2000:272, Parin et al. 2014:63. Nomenclatura generica valida come Blicca Heckel 1843, secondo Bogutskaya 1987:936, Bogutskaya 1998:58, Bogutskaya & Naseka 2004:76, Kottelat & Freyhof 2007:151, Perea et al. 2010:4, Jouladeh-Roudbar et al. 2015:867, Esmaeili et al. 2017:38, Esmaeili et al. 2018:17.

 

 

Ciprinidi a diffusione Eurasiatica, caratterizzati dal corpo alto, fortemente compresso ai lati, coperto da abbondante secrezione di muco, una carena priva di squame si sviluppa dalla base delle aperture branchiali fino alle pinne pettorali, un'altra è presente sul dorso anteriormente alla pinna dorsale. Denti faringei biseriati. Pinna dorsale corta e priva di spine, pinna anale allungata. Diffusi in branchi in fiumi di pianura a corso lento o moderato, presenti in laghi e stagni. Nei mari a bassa salinità, come il Baltico, il Caspio od il Mar Nero, si comportano come migratrici anadrome, svolgendo fase trofica in mare.

 

  Genere Specie  
Blicca Blbjo_u0.jpg (105584 byte)

Blicca

Blicca bjoerkna

 

La specie B. bjoerkna è stata confermata al genere Blicca Heckel 1843, da Bogutskaya & Naseka 2004:75, dopo che vari autori la avevano inclusa nel genere Abramis Cuvier 1816. Collocazione ripetuta in Eschmeyer. Da studi recenti di genetica (Durand et al. 2002), basati sul citocromo b, sembra emergere che questo genere sia monofiletico. In ogni caso la specie resta strettamente correlata con un gruppo comprendente: A. brama, le specie del genere Vimba, Acanthalburnus microlepis e Acanthobrama, le specie simili, A. ballerus e A. sapa risultano collocate in posizione basale rispetto alle altre.

 

 

L'area di distribuzione di B. bjoerkna risulta in espansione. Assieme a A. brama, con cui è spesso confusa, la specie viene immessa sconsideratamente in fiumi e laghi dove risulta alloctona da pescatori sportivi per fini alieutici. Nei casi in cui la specie si acclimata, entra in competizione alimentare con le specie locali, determinando spesso la scomparsa di intere popolazioni di specie autoctone.

 


Webmuseum Osteichthyes Cypriniformes Leuciscidae  
www.ittiofauna.org Webmuseum
Google
 
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org