www.ittiofauna.org
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org
Webmuseum Osteichthyes Cypriniformes Leuciscidae Vimba

Vimba macedone,

Vimba melanops (Heckel, 1837)

 

Caratteri meristici - pinna anale: III/15-181/2.

 

  Click on the image to magnify and for informations about this photo.  
Click sull'immagine per ingrandire e per informazioni su questa foto.

 

Descrizione - Corpo a sezione traversale ovale, generalmente più alto e compresso rispetto a V. vimba. Testa proporzionalmente corta, con bocca in posizione in posizione infera, con mascella prominente e conica, ispessita anteriormente. Carena priva di squame presente tra le pinne ventrali e l'anale, un solco privo di squame si osserva davanti alla pinna dorsale. La carena postdorsale è assente. Denti faringei uniseriati. Livrea del dorso grigio bluastro o verdastro, più scuro rispetto a V. vimba. Fianchi argentei. Ventre biancastro o bianco giallastro. Pinne translucide, grigie con sfumature di colore bruno o giallo, più scure la dorsale e la caudale, non sono presenti le sfumature rossastre alla base delle pinne pari e dell'anale.

 

 

Dimorfismo sessuale - Durante il periodo di frega, i maschi presentano ventre e zona inferiore dell'aria opercolare di colore bianco ed una larga banda scura mediolaterale sui fianchi.

 

  Click on the image to magnify and for informations about this photo.  
Click sull'immagine per ingrandire e per informazioni su questa foto.

 

Habitat e abitudini - La specie vive principalmente nei fiumi in acque a corrente debole, si incontra con maggiore frequenza in acque mediamente con fondale sassoso e ghiaioso. Può essere anche presente nelle dighe artificiali, dove frequenta solitamente la zona più prossima agli immissari. Non sono note forme anadrome.

 

 

AlimentazioneSi nutre prevalentemente di organismi zoobentonici: vermi, larve di insetti, molluschi lamellibranchi, gamberetti d'acqua dolce e larve di zanzare; si ciba anche di sostanze vegetali.

 

 

Riproduzione - La riproduzione si svolge da maggio a giugno, può protrarsi od anticiparea seconda delle condizioni climatiche e della portata dei corsi d'acqua. Non è noto se compia migrazioni riproduttive. La frega si svolge su fondali pietrosi in acque poco profonde, ricche di vegetazione e ben ossigenate. Le uova sono adesive ed aderiscono al substrato, in seguito vengono staccate dalla corrente e giacciono sul fondale tra le pietre fino alla schiusa.

 

 

Accrescimento e resilienza - Tempo minimo di raddoppiamento della popolazione, medio: 1.4-4.4 anni. Specie di dimensioni medio piccole, raramente raggiunge i 40 cm di lunghezza.

 

 

Predatori, parassiti e malattieV. melanops rientra nella dieta di pesci ed uccelli ittiofagi (cormorano, pellicano, airone, garzetta, nitticora, ecc.) e rettili acquatici. Oltre che di pesci e crostacei, uova, larve ed immaturi sono spesso cibo di larve acquatiche carnivore di insetti o di insetti acquatici predatori. Specie soggetta a malattie virali, batteriche e micotiche. Ospite e portatrice di parassiti, tra cui vari tipi di vermi trematodi e cestodi, altri elminti, protozoi, crostacei parassiti ed altri invertebrati. Gli esemplari feriti e/o malati contraggono spesso infezioni micotiche gravi.

 


  Click on the image to magnify and for informations about this photo.  
Click sull'immagine per ingrandire e per informazioni su questa foto.

 

Status della specie - La specie sembra in fase di declino. Fattori antropici, come il prelievo idrico e la regimazione dei corsi d'acqua, assieme all'introduzione di specie ittiche alloctone, sono le cause principali della sua rarefazione.

 

 

Protezione - Nessuna. La specie è inclusa nella Lista Rossa IUCN (International Union for Conservation of Nature and Natural Resources), ma ancora non ci sono dati sufficienti a stabilire la reale consistenza delle popolazioni (DD).

 

 

Valore economico - Grande interesse come specie endemica dei Balcani. Molto ridotto a livello economico, viene comunque attivamente pescata dai locali e venduta fresca, associata ad altri pesci di acqua dolce.

 

 

Pesca - Viene catturata con reti da posta e da circuizione utilizzate dai pescatori locali anche per la cattura di specie più pregiate. La pesca sportiva viene esercitata con lenze armate con vermi o vari tipi di cereali.

 

Galleria di immagini

 

     
  Pag. 1  

Webmuseum Osteichthyes Cypriniformes Leuciscidae Vimba
www.ittiofauna.org Webmuseum
Google
 
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org