www.ittiofauna.org
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org
Webmuseum Osteichthyes Perciformes

I Latidi (Latidae)

 

Etimologia - Latino, lateo, latere = che si nasconde.

 

 

Perciformi di dimensioni variabili da medio piccole a molto grandi. Caratterizzati da corpo allungato, lievemente compresso, coperto da squame ctenoidi. Linea laterale estesa fino alla base della coda. Pinne ventrali in posizione toracica. Pinna anale corta, dotata di tre raggi spiniformi. Preopercolo con margine posteriore dentellato, opercolo provvisto di una spina. Profilo della testa concavo sulla nuca. Bocca ampia, protrattile, con mascella inferiore più lunga della superiore. Presenza di denti sulle mascelle, sul vomere e sui palatini. Prevalentemente carnivori, vivono in acque dolci, salmastre e marine. Non svolgono cure parentali nei confronti della prole.

 

Famiglia Genere Specie
Latidi Lates lates_niloticus04.jpg (68900 byte)

Lates niloticus.

 

I Latidae, precedentemente inseriti come sottofamiglia (Latinae) nella famiglia Centropomidae, sono stati riconosciuti come famiglia nel 2004, in base ad una analisi cladistica che ha dimostrato l'origine parafiletica dei Centropomidae. Molte specie di questo gruppo sono considerate importanti per acquacoltura a fine alimentare e sono state introdotte in paesi estranei alla loro area di diffusione originale. Le introduzioni hanno causato gravi perturbazioni ambientali. Ad esempio Lates niloticus, dopo l'introduzione nel Lago Vittoria effettuata negli anni '60, è diventato tristemente famoso per aver causato l'estinzione di un elevato numero di specie di Ciclidi.

 

  Click on the image to magnify and for informations about this photo.  
Click sull'immagine per ingrandire e per informazioni su questa foto.

 

Resti fossili riferibili a questo gruppo sono stati rinvenuti in giacimenti databili al tardo Eocene ed all'Oligocene della formazione di Jebel Qatrani a El Fayum, in Egitto. La famiglia  comprende tre generi e circa 13 specie, a diffusione tropicale e sub tropicale, presenti nelle acque dolci di Africa orientale, e nelle acque dolci e marine di Asia ed Australia (Oceano Indiano e Pacifico).

 

 

Specie di questa famiglia non sono acclimatate in Europa, descriviamo il persico del Nilo perché attualmente largamente presente nei mercati ittici e come esempio eclatante dei danni che possono scaturire dalle incaute introduzioni di specie in ambienti estranei alle loro aree di origine.

 


Webmuseum Osteichthyes Perciformes
www.ittiofauna.org Webmuseum
Google
 
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org